Settore Benessere

La richiesta della seta sta aumentando vertiginosamente a livello mondiale ma ciò che più si ricerca è un prodotto di provenienza certa ed affidabile.

Se il made in Italy continua ad essere un brand di sicurezza e qualità, molto più risonante risulta il “made in Calabria”: una produzione così concentrata territorialmente, facilmente identificabile e tangibile combacia perfettamente con tali esigenze di mercato.

Il made in Calabria poi non sarebbe una novità assoluta bensì un ritorno alle tradizioni a all’artigianato; la Calabria è stata storicamente una delle regioni più rinomate per la produzione e la lavorazione della seta fino agli anni ’70 del secolo scorso.

A ciò si aggiunga che la produzione della seta ha un impatto ambientale pari quasi a zero che ben si presta all’ambiente calabrese, conosciuto più per il patrimonio paesaggistico che per quello industriale. La gelsicoltura, la conseguente produzione di more di gelso e l’allevamento dei bachi sono attività agricole e produttive che valorizzano il territorio senza inquinarlo né danneggiarlo, anzi valorizzandolo.

La seta made in Calabria risulta essere in definitiva un connubio perfetto di tutto quanto richiesto dal mercato: made in Italy, tradizione, artigianato, arte e tutela ambientale.

Come avviene tecnicamente la produzione della seta?

Il baco da seta secerne un filamento, di lunghezza variabile tra 350 metri a circa 3 chilometri, con il quale forma il bozzolo che gli serve da protezione durante la metamorfosi. Il filamento è formato da due bavelle di fibroina (presente per circa l'80% in peso) avvolte nella sericina (20% circa). Quest'ultima viene eliminata durante un processo chiamato "sgommatura". Al microscopio la fibra ha un aspetto regolare molto simile a quello di fibre sintetiche.

La sericina, proteina principale, è utilizzata nella cosmesi poichè ha uno spiccato carattere vellutante e idratante e rende la pelle levigata, luminosa e uniforme. 

I molteplici effetti di questa proteina della seta nei cosmetici possono essere riassunti in:

  • Effetto protettivo: La Sericina proprio per la sua struttura di proteina protettiva bio-adesiva, ha una grande affinità verso le proteine idrofobe (Fibroina) e quindi verso la Cheratina dello strato cutaneo.
  • Effetto e proprietà antirughe: Le proprietà filmogene della Sericina e il suo effetto tensore sulle piccole rugosità cutanee hanno dimostrato un marcato effetto levigante sulle irregolarità cutanee e un’effettiva azione antirughe (riduce la profondità e progressivamente ne migliora la condizione).
  • Effetto e proprietà idratanti e filmogene: Per la conformazione e per la presenza di numerose zone idrofile la Sericina è in grado di migliorare la struttura dell’idratazione cutanea. L’alta igroscopicità della Sericina permette di “fissare” l’acqua sulla superficie cutanea. Il film elastico e protettivo prodotto dalla Sericina riduce  drasticamente la disidratazione cutanea.